Instagram: il social fotografico #1 al mondo

Una app che in meno di un anno dal lancio ha raggiunto il traguardo record di 10 milioni di utenti e che oggi ne conta ben oltre 150 milioni ha evidentemente molto da dire nel maremagnum dei social network, forte di una diffusione rapidissima e inaspettata.

Facciamo una breve carrellata storica: nel 2010 Kevin Systrom e Mike Krieger ottengono dei finanziamenti per creare una app che, originariamente, doveva essere un’evoluzione ludica di applicazioni di geolocalizzazione (sulla falsa riga di Forsquare), ma il progetto svolta quando i due programmatori iniziano a concentrarsi sulle funzionalità fotografiche intravedendo delle potenzialità in questa direzione. Instagram viene rilasciato gratuitamente su Apple Store il 6 ottobre 2010. In 4 anni la crescita è stata inarrestabile e nessuno è rimasto con le mani in mano, anzi, con il progressivo aumento degli iscritti sono stati fatti diversi aggiornamenti, inseriti nuovi filtri e migliorata la fotocamera, aggiunta la ricerca tramite #hashtag, Facebook ha messo un miliardo di dollari sul piatto per assicurarsi l’acquisizione dell’azienda e ora tutti sono in trepidante attesa delle nuove funzioni che permetteranno di modificare le immagini per luminosità, contrasto, temperatura dei colori e altri aggiustamenti simili in stile semi professionale.

instagram

La ragione del successo di Instagram non è difficile da immaginare: innanzitutto è gratis, poi è facilissimo da usare, non va sottovalutato il fattore emozionale di una fotografia e la velocità di fruizione e condivisione di un’immagine sul web che è sempre gradita dagli utenti. Instagram è riuscito a dare un volto e una quotidianità ai rapporti di fiducia che si instaurano sui social network. Lo stile ricorda lo spirito nostalgico delle vecchie Polaroid: forma quadrata, filtri vintage, cornici. I filtri sono la vera idea geniale, poiché permettono a una foto non perfetta, grazie a un po’ di trucco e a qualche effetto, di essere comunque pubblicata con discreti risultati. A questo proposito sono stati fatti anche diversi studi su quelle che sono le caratteristiche delle foto di maggior successo sul social fotografico più popolare del mondo e pare che le immagini con il blu come colore dominante ottengano più like rispetto a un pari soggetto con colori caldi, così come un solo colore dominante è preferibile a una foto con molti colori.

photoboot

La luminosità è un altro fattore di apprezzamento (24% di “mi piace” in più rispetto a immagini scure), come la struttura più articolata della foto, con ombre e creste che attraggono l’attenzione. Infine, i tanto amati e popolari “selfie” hanno sempre un grande riscontro di pubblico, ma è bene sapere che le smorfie – cosiddette duckface – generano molti più like di un sorriso qualsiasi.

Per chiudere con qualche numero e curiosità: 16 miliardi solo le immagini già in archivio su Instagram e 55 milioni le foto caricate ogni giorno da tutto il mondo. In Italia sono 4 milioni gli utenti registrati di cui 1,8 milioni quelli attivi. I like raggiungono quota 1,2 miliardi al giorno e, ad oggi, la foto con più preferenze nella storia di Instagram è quella del matrimonio di Kim Kardashian e Kayne West che, con 2,38 milioni di cuori, ha bruciato il precedente record di Justin Bieber e Selena Gomez (“solo” 1,82 milioni di like).

Simona Mapelli

Inserisci una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>