5 film per chi ama la buona cucina

Cinema e gastronomia quando vanno a braccetto formano un’accoppiata vincente, adatta a ogni palato. Vi piacciono i cibi esotici e piccanti? Oppure preferite i sapori tradizionali e delicati? Non c’è problema, di sicuro esiste il film adatto a voi. Ecco cinque pellicole selezionate per andare incontro ai gusti più disparati!

1) Il pranzo di Babette

La Danimarca di primo acchito non è un paese che fa pensare all’alta cucina. E infatti gli abitanti del piccolo villaggio in mezzo alla brughiera dove è ambientato il film si limitano a consumare zuppe di pane e cipolle. Tutto cambia quando la cuoca Babette, esule francese, decide di festeggiare una grossa vincita preparando un sontuoso pranzo per tutti i compaesani. Per la prima volta i cittadini del desolato villaggio gusteranno delizie quali brodo di tartaruga, crepes con caviale e burro, quaglie ripiene in crosta… l’intera seconda metà della pellicola è dedicata proprio alla preparazione di questo sfarzoso pranzo, e di sicuro farà venire l’acquolina agli amanti del raffinato cibo francese!

Televisione

2) Per incanto o per delizia

Chi invece preferisce gli esotici sapori della cucina sudamericana, non può perdersi questa pellicola. La giovane Isabella (Penelope Cruz) approda dal Brasile a San Francisco per realizzare il suo sogno di diventare una famosa cuoca internazionale. In poco tempo riesce a sfondare con un suo programma culinario in TV e a riconquistare l’amato Toninho, marito fedifrago. Se “Il pranzo di Babette” è una storia malinconica, “Per incanto o per delizia” è al contrario un film frizzante e umoristico, adatto per gli amanti dei cibi piccanti e delle storie a lieto fine!

3) Jiro e l’arte del sushi

In questo caso si tratta di un documentario, con protagonista il più anziano cuoco del mondo premiato con tre stelle Michelin. Jiro è un arzillo ottantacinquenne che, partito dal niente, dopo anni di incredibile dedizione, è riuscito a diventare un cuoco stimatissimo e rispettato. Non solo delizioso sushi, ma anche sacrificio e abnegazione: ecco gli ingredienti che rendono le pietanze di Jiro qualcosa di unico. Un vero e proprio viaggio alla scoperta della più tradizionale mentalità giapponese, in cui la passione per la cucina si trasforma in totale abnegazione e continua ricerca della perfezione.

Popcorn

4) Un’ottima annata

Delle ottime pietanze vanno accompagnate da ottimo vino, il che ci riporta al quarto film della nostra lista. Quanti di noi sognano di ereditare una bellissima tenuta in Provenza? E’ ciò che succede a Max (Russel Crowe), ricco banchiere londinese, inizialmente non proprio entusiasta della scoperta. Come da copione, nell’assolato sud della Francia Max riscoprirà sé stesso, i veri valori della vita e l’amore. La dolce Fanny, impersonata da Marion Cotillard, entrerà infatti nella sua vita. Pellicola romantica, da degustare insieme a uno dei pregiati vini della tenuta di Max.

Vino

5) Lezioni di cioccolato

Dulcis in fundo, nel vero senso della parola: come dessert cosa c’è di meglio di ottimo cioccolato perugino? Sì, l’ultima tappa del nostro tour enogastronomico è ambientata in Italia. Mattia (Luca Argentero) è un imprenditore cinico e senza scrupoli, che si troverà costretto a seguire un corso per pasticceri organizzato in onore dell’anniversario di una storica azienda di Perugia. Lo scopo finale del corso è produrre un cioccolatino dal gusto innovativo e unico, in grado non solo di estasiare la giuria, ma anche di rendere il carattere di Mattia molto meno aspro. Dolcezza, amore e risate si alternano in questa vivace pellicola.

Questa è solo una piccola lista, ma si potrebbero annoverare altri famosi film: Chocolat, La fabbrica del cioccolato, Ratatuille… l’unico film che sconsigliamo a chi è debole di stomaco è La grande abbuffata: potrebbe bloccarvi la digestione!

Ivana Poletti

 

Inserisci una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>